Come gestire il marketing e la comunicazione per la ripartenza

La fase 2 è iniziata, molte attività hanno ripreso il lavoro e le altre si stanno preparando per farlo a breve. Come gestire la comunicazione e il marketing nella ripartenza? Gli strumenti e i metodi che usavi prima vanno ancora bene? Ci sono nuovi canali, strategie o tattiche che puoi mettere in campo per affrontare il nuovo scenario? Vediamolo insieme in questo articolo e se vuoi approfondire ulteriormente, prenota una delle 5 consulenze gratuite che abbiamo deciso di mettere a disposizione.

Nel mezzo delle tante incertezze di questo momento, partiamo invece da un punto fermo: lo scenario è cambiato perché il modo di acquistare e di fruire i servizi da parte delle persone è cambiato. Nessuno di noi può prevedere quanto ancora questa pandemia durerà e quali conseguenze avrà nel breve, medio e lungo periodo. Possiamo però chiarirci alcuni punti da tenere fermi che ci aiutino ad affrontare i diversi scenari che si possono presentare.

I tuoi clienti e il tuo mercato

Le due principali domande da cui ti consigliamo di partire e che noi stessi ci stiamo facendo è:

1- Chi è il tuo cliente?

Come sono cambiate e come potranno cambiare le sue abitudini e i suoi comportamenti? Per capirlo puoi:

  • basarti sui feedback diretti dei tuoi clienti. Cosa ti stanno dicendo/chiedendo/raccontando in questo periodo? Potresti anche pensare di fare un questionario con delle domande specifiche.
  • Guardare i dati che derivano per esempio dal sito web o dai canali social: consultando le analitiche hai osservato una crescita di follower, magari di una specifica fascia d’età? Ti sei accorto che rispetto a prima molte più donne interagiscono o magari sono di più gli uomini? Le visite dal sito arrivano da una specifica area geografica?

2- Quanto mercato c’è per il tuo prodotto o servizio?

È cambiato rispetto a prima? Il tuo settore è uno di quelli penalizzati oppure in crescita? Anche qui puoi:

  • basarti sui riscontri diretti dei tuoi clienti. Anche se sei rimasto chiuso hai ricevuto comunque richieste di informazioni? In vista della ripartenza ti hanno contattato? Hai avuto modo di parlarci e capire qual è l’interesse verso i tuoi prodotti o servizi?
  • Guardare i dati che derivano per esempio dal sito web o dai canali social: consultando le analitiche hai osservato se ci sono pagine web relative a prodotti o servizi specifici che sono state più visitate di altre? Ci sono post sui social che hanno riscosso maggiore interesse?

Queste due domande vanno chiarite prima ancora di pensare alla comunicazione. Dalle risposte che ti darai infatti dipenderanno le tue scelte aziendali: continuerai a proporre gli stessi prodotti e servizi di prima e allo stesso prezzo? Il processo di vendita rimarrà invariato o dovrai ripensare ad alcune fasi (acquisizione, vendita e distribuzione del prodotto o servizio, post-vendita)?

Lo sappiamo, questa è una parte molto difficile. Decidere di perseguire una via anziché un’altra è una decisione che va ben ponderata, ma è importante affrontarla prima di intraprendere qualsiasi nuova attività di comunicazione strutturata, prima di lanciarti nell’e-commerce, di aprire un nuovo canale social, di fare webinar o di girare video… La comunicazione e il marketing, infatti, possono funzionare solo se c’è chi è disposto ad acquistare il tuo prodotto o servizio e se hai ben chiaro quali sono i suoi bisogni. Sito web, e-commerce, social media marketing, advertising non sono una bacchetta magica che in tutte le situazioni e condizioni permette di vendere!

La comunicazione

Fatto il punto su come potrai e vorrai portare avanti la tua attività, possiamo concentrarci sui ragionamenti che riguardano la comunicazione in senso stretto.

Ancor prima di ragionare sui trend che vedono un maggiore uso dell’online (per ovvie ragioni!) rispetto a prima, le riflessioni sono direttamente collegate a quanto abbiamo visto sopra, in particolare alla domanda sui tuoi clienti e sulle loro abitudini. È da lì che devi partire per capire se puoi mettere in campo azioni e strategie, in base ai tuoi obiettivi di vendita, per:

  • aumentare il tuo bacino di clienti
  • migliorare/rivedere il tuo processo di vendita
  • lavorare sull’assistenza e sul post-vendita

Un occhio al cliente e uno al contesto mutato che come anticipato vede, in generale, un maggiore uso dell’online. Molte più persone si sono avvicinate in questo periodo al web, acquistando online, usandolo per tenersi in contatto con i propri cari ma anche con le aziende d’interesse, per informarsi, per studiare…

Appurati questi due aspetti, ti lasciamo alcune domande per capire se stai già sfruttando le opportunità che il web potrebbe offrirti:

  • Il tuo sito web è aggiornato? Fornisce a clienti, attuali e potenziali, tutte le informazioni sui tuoi prodotti e servizi? È in linea con la tua immagine aziendale? Viene visitato e ti sta portando risultati – Analytics è installato vero 😉 ?
  • Stai usando i social per promuovere e far conoscere la tua attività? La tua presenza sui social è efficace? Li stai usando per mantenere il rapporto con i tuoi clienti?
  • Stai proponendo contenuti che interessano e sono utili per le persone?
  • Hai una scheda My Business aggiornata e ne stai usando tutte le opzioni messe a disposizione per questo particolare momento?
  • Stai usando tutti gli strumenti che il web ti mette a disposizione per gestire le consegne a domicilio e il ritiro in sede se li offri come servizio?
  • Hai rivisto il tuo piano e la tua strategia di comunicazione per adattarla alla situazione?

Prenota la tua consulenza gratuita

Le domande che ti abbiamo fatto toccano solo alcuni punti e sono generiche. Se vuoi invece un parere più preciso e basato sulla tua situazione, prenota una delle nostre 5 consulenze gratuite in di mezz’ora in videochiamata su Zoom o su Skype, in cui faremo un check-up iniziale della tua comunicazione per capire se ci sono aspetti che puoi migliorare o strategie che puoi mettere in campo.

Approfitta della consulenza gratuita